Coop Diary

Storie di Cooperazione Sociale in prima linea

Asperger, abitare e autonomia

La Cooperativa Ser.eN.A e la Cooperativa Lavorare Insieme hanno dato il via ad un progetto che, per la prima volta nella provincia di Bergamo, vede un’esperienza dell’abitare dedicata ai giovani affetti da Asperger e da autismo ad alto funzionamento come un vero percorso verso un progetto di vita a 360° che includa anche lavoro e tempo libero. In questo progetto la casa non si configura come risposta alle esigenze delle famiglie, ma come soddisfacimento di un bisogno di autonomia comune a tutti i giovani, che, ad un certo punto, cercano un appartamento proprio da abitare secondo i propri canoni e da rendere fondamento per la loro indipendenza.

Un progetto che nasce da due anni di riflessioni condivise e di crescita grazie agli scambi reciproci sui temi dell’abitare e dell’autismo, nei quali le cooperative hanno messo a punto un’idea che vede la figura dell’educatore come supervisore capace di fornire ai ragazzi gli strumenti per la gestione del tempo lavorativo, del tempo libero e delle relazioni, ma che lascia loro in carico le questioni pratiche dell’appartamento e la libertà di creare da sé il proprio percorso e il proprio spazio con l’aspetto della sicurezza garantito dall’ausilio di innovati dispositivi tecnologici e dalla connessione con le Comunità Socio Sanitarie delle zone. Il progetto si rivolge a giovani affetti da sindrome di Asperger o da autismo ad alto funzionamento e buon livello cognitivo, idealmente tra i 25 e i 30 anni, che hanno maturato il desiderio di una vita autonoma anche nell’abitare. La casa ospiterà tre inquilini che le cooperative stanno attualmente selezionando tra i ragazzi a cui prestano aiuto e  le segnalazioni delle famiglie e delle associazioni e enti che si occupano di autismo.

(Articolo redatto da intervista con Marcella Giazzi, Presidente Cooperativa SER.e N.A.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto